Scuola Ciclismo Primi Raggi 

Marco Nardinocchi

 Marco Nardinocchi nasce ad Ascoli Piceno il 26 Luglio del 1995. Fin da bambino pratica assiduamente diverse attività sportive: Arti Marziali, Moto Trial, Climbing, che affianca a quella che rappresenta la sua più grande passione: la bicicletta, Mountain Bike, Enduro, ma soprattutto il Bike Trial. Con il trascorrere del tempo, però, si rende conto che il suo desiderio è quello di voler fare qualcosa che gli consenta di stare a contatto con la natura e, al contempo, di mettere alla prova le sue capacità fisiche. Le falesie marchigiane gli offrono l’opportunità che cerca. Comincia a praticare il climbing affrontando le pareti di roccia granitica; questa disciplina gli infonde una sensazione di libertà alla quale non sarà più in grado di rinunciare. A tredici anni sale in sella a una moto da Trial e, grazie alle sue spiccate doti di equilibrio e velocità, stupisce papà Gualtiero, ex pilota professionista di moto Trial. La naturalezza con la quale riesce a compiere alcune evoluzioni con la moto lo induce a cercare di ripeterle con la sua inseparabile bici che da quel momento diventa lo strumento indispensabile per avvicinarsi (e possibilmente superare) ai limiti imposti dalle leggi della fisica.
Il giovane atleta ascolano è un vero e proprio funambolo delle due ruote: si esibisce con la sua bici attraverso performance estreme che riescono ogni volta a sbalordire il pubblico. I suoi show “on the road” sono sempre diversi, mentre la sua intraprendenza lo spinge ad affrontare e superare ostacoli sempre più impegnativi.
Nel 2011, alla sua prima stagione agonistica, diventa vice campione Italiano nella categoria Expert. L’anno successivo, gareggiando nella categoria Juniores, ottiene nuovamente il secondo posto nella classifica finale del campionato italiano. Sempre nel 2012 debutta nel campionato mondiale juniores classificandosi al sesto posto, mentre nel 2013 si laurea campione italiano di Bike Trial nella categoria juniores. 
Nel 2014, alle prese con la massima categoria, la Elite, conquista subito un terzo posto alla prima gara che si disputa a Rosignano (LI) e a fine stagione agonistica ottiene il secondo posto nella classifica generale del campionato italiano.